Argomenti di
Neuropsichiatria Infantile
IL RUOLO del NEUROPSICHIATRA INFANTILE APPRENDIMENTO Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA) BULLISMO DOLORE e LUTTO L’esperienza della morte crea e rafforza i legami d’amore DIVORZIO e FIGLI ALIMENTAZIONE Disturbi dell'alimentazione FORSE QUALCOSA NON VA... Indicatori del comportamento REGOLE e CAREZZE SONNO Disturbi del Sonno SOCIALIZZAZIONE e GIOCO CONTROLLO SFINTERICO Enuresi Encopresi SVILUPPO del LINGUAGGIO CONTROLLO MOTORIO Tic e Sindrome di Gilles de la Tourette Lateralizzazione e Mancinismo Onicofagia Tricotillomania COS'E' LA "PET-THERAPY" Pet-Therapy ed Autismo, Pet Therapy e Disturbi Motori ADOZIONE IN ITALIA E ADOZIONE INTERNAZIONALE NEUROPSICHIATRIA NEWS
Argomenti di Logopedia 
Il RUOLO del LOGOPEDISTA AUTISMO e LOGOPEDIA DISFLUENZA o BALBUZIE? DEGLUTIZIONE ATIPICA e TERAPIA MIOFUNZIONALE DISFONIE INFANTILI DIFETTI di PRONUNCIA E DISTURBI di ARTICOLAZIONE DIFFICOLTA' VISUOSPAZIALI e PSICOMOTORIE-SINDROME NON VERBALE MODELLI RIABILITATIVI dei DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO LOGOPEDIA NEWS
Informazioni Generali
Come verificare se chi scrive è un Medico Quando è possibile fidarsi di un Sito Medico? Il Decalogo del Web secondo il pediatra Collabora con noi Links Utili
 

Disturbi Specifici di Apprendimento-DSA

 (Learning Disabilities)

Riguardano la compromissione della capacità di apprendimento di lettura (Dislessia), scrittura (Disortografia) e calcolo (Discalculia) in assenza di alterazioni psicopatologiche o sensoriali, di deficit cognitivi o di situazioni carenziali che possano spiegarne l’origine.

L’importanza di tali situazioni è legata, oltre che all’ostacolo che frappongono nello specifico settore dell’apprendimento, anche e soprattutto alle possibili ripercussioni sulla strutturazione della personalità a causa delle frustrazioni che quasi sempre ne derivano.

Il Pediatra e il Neuropsichiatra Infantile devono avere un’approfondita conoscenza di tali difficoltà al fine di una tempestiva diagnosi, ma altrettanto importante è una solida conoscenza ed un costante aggiornamento in materia da parte degli insegnanti che generalmente sono i primi a riscontrare il problema e che rivestono un ruolo fondamentale nel successivo lavoro di abilitazione.

Dislessia

Incapacità globale complessa di decodifica del segno scritto e della sua trasformazione nel segno parlato corrispondente. Il punto difficoltoso è il passaggio dallo stadio attentivo e volontario dell’apprendimento allo stadio automatico in cui si realizzano quelle caratteristiche di rapidità, precisione e abilità che sono proprie di una funzione ben appresa.

Quasi sempre associata a difficoltà di apprendimento della scrittura (dislessia-disortografia), la dislessia si manifesta tra i 7-12 anni. Prima dei 7 anni gli errori sono normale espressione del processo di apprendimento, dopo i 12 anni le difficoltà tendono spontaneamente ad attenuarsi e ad avere quindi minor impatto emotivo sui ragazzini anche perché a scuola viene dato minor rilievo alla lettura  ed all’ortografia. Tuttavia la disfunzione di base permane e le difficoltà residue spesso vengono mascherate e compensate da un intenso impegno attentivo. In questi casi si può rilevare un’accettabile capacità di lettura che però è lenta, esitante, sillabica, con alterazioni del ritmo e conseguente compromissione della comprensione del testo.

La diagnosi retrospettiva di dislessia si può porre soprattutto attraverso il dato anamnestico di acquisizione tardiva della capacità di leggere correttamente e del persistere di una certa difficoltà nella lettura ad alta voce, che risulta esitante e monotona.

Cosa si evidenzia?

       incapacità di distinguere lettere simili per forma (m e n ; b e d; b e p) o per suono (d e t; b e p);

       inversione di lettere in una sillaba (lad per dal; id per di);

       omissione di lettere o sillabe in una parola (domni o doni per domani);

       sostituzione di intere parole (auto per aereo);

       scrittura speculare di lettere e numeri;

Disortografia

Difficoltà nell’apprendimento della scrittura come evento singolo o associato alla dislessia.

Si osservano, nel dettato, alcune inversioni, trasformazioni, omissione di lettere o sillabe, errori semantici e di sintassi. Nella composizione libera il testo è per lo più breve, il vocabolario povero, la punteggiatura carente, inadeguata la composizione di parole in frasi e di frasi in periodi.

Discalculia

Difficoltà di apprendimento dell’aritmetica elementare in bambini normalmente secolarizzati, senza compromissione di altre forme di ragionamento logico e di simbolizzazione.

La difficoltà riguarda inizialmente la capacità di operare anche su piccole quantità con la necessità di aiutarsi con supporti concreti (dita, bastoncini, gettoni..).

Risulta difficile l’acquisizione del concetto di numero, la capacità di scriverlo correttamente e di eseguire anche semplici operazioni. Si può verificare scrittura speculare dei numeri, difficoltà nella risoluzione dei problemi anche quando le quattro operazioni siano state apprese.

Diagnosi

  • Anamnesi (familiarità, noxae di lesioni cerebrali minime..)
  • Esame neurologico (negativo per lo più, eventualmente iperreflessia, modica asimmetria dei riflessi, disturbi del tono muscolare, adiadococinesia)
  • Valutazione del livello intellettivo (Wisc: QIP >QIV)
  • Esame della lettura (MT; Boder test)
  • Esame della scrittura (dettato, composizione libera)
  • Esplorazione delle funzioni prattognosiche (valutazione delle funzioni di integrazione percettiva, organizzazione temporo-spaziale, lateralizzazione)
  • Esame elettroencefalografico (normale o modiche alterazioni aspecifiche)
  • Esame audiomentrico (normale)
  • Esame oftalmologico (senza alterazioni del visus)

Disturbi associati

  • Alterazioni del linguaggio (molto frequenti, dal ritardo semplice fino a disturbi più gravi di tipo disfasico)
  • Disordini della lateralizzazione (lateralizzazione maldefinita o di tipo crociato, per mancata concordanza cioè di dominanza laterale a livello di piede, mano, occhi)
  • Difficoltà di orientamento temporo-spaziale  (confusione ieri-oggi-domani)
  • Disturbi emotivi (molto frequenti tra cui ansia, insicurezza, iperattività, tics, enuresi)
  • Disturbi comportamentali

Trattamento

Richiede la presa in carico globale del soggetto, inserito nella rete delle sue relazioni familiari e scolastiche. A seconda del quadro, il trattamento potrà essere orientato in senso prevalentemente abilitativo (Logopedista) o psicoterapeutico (Neuropsichiatra Infantile/Psicologo).

Il programma abilitativo specifico prevede esercizi di rinforzo delle tre competenze (lettura-scrittura-calcolo) e la ricerca, e successivo utilizzo, di strategie di apprendimento che aggirino l’ostacolo e che consentano comunque un adeguato apprendimento. Per maggiori approfondimenti si rimanda alla sezione “Temi logopedici”

Successivamente alla fase di impostazione del programma abilitativo condotto dalla Logopedista con il bambino, sarebbe opportuno che la vera e propria fase di trattamento venisse svolta dall’insegnante stessa per tutto il ciclo delle elementari, cercando di far procedere contemporaneamente tutti i bimbi, compreso il dislessico.
Se ciò non fosse possibile per l’elevato numero di alunni, l’eccessivo divario di prestazioni, la presenza di rilevanti difficoltà nel dislessico, potrà essere opportuno potenziare il lavoro dell’insegnante con quello di operatori specializzati (aiuto a domicilio, Tutor, frequente contatto-confronto con Logopedista) .

Dr.ssa Ciocca Barbara
Neuropsichiatra Infantile
 

pagina aggiornata il 28 Febbraio 2011

 
  Policy e Copyright Partita IVA 01444390437 info@igenitoridipollicino.it web by Solutions S.r.l